Secondo Torneo Davide Astori

Una bellissima celebrazione del calcio giovanile con la vittoria dei pulcini del Milan


Dal 14 al 16 giugno 2024, Firenze è stata il palcoscenico della seconda edizione del Memorial Davide Astori, un torneo organizzato dall’Unione Sportiva Affrico per onorare la memoria del capitano e difensore della Fiorentina, scomparso prematuramente il 4 marzo 2018. L’evento, patrocinato dalla Regione Toscana, dal Comune di Firenze, dal Comitato Regionale Toscana del CONI, dal Comitato Regionale LND, sponsorizzato da MITA e Target Costruzioni, ha visto la partecipazione di numerose squadre di pulcini maschili e femminili, trasformando le strutture dell’Affrico in un epicentro di entusiasmo sportivo e di ricordo affettuoso.

L’apertura del torneo ha visto la partecipazione di David Guetta, che ha presentato l’evento di apertura. La competizione ha ospitato diverse formazioni maschili e femminili. Tra le squadre maschili hanno partecipato AS Roma, US Affrico, Polisportiva Monteserra, Giovani Fucecchio, AC Fiorentina, Cremonese, Petrarca Napoli, Urbania Calcio, AC Cagliari, San Pellegrino, CF 2001, AC Milan, Rondinella, Grifone Nettuno e San Marco Avenza. Il torneo si è concluso con la vittoria dei pulcini del Milan, che hanno dimostrato un grande livello di gioco. Il torneo femminile ha visto la partecipazione di Affrico, Tau Centro di Formazione Inter, Sporting Arno e Atletico Levante Leona con la vittoria delle pulcine dell’Affrico.

La presidente Valeria Pisacchi e il direttore generale Luca Giotti hanno dato il benvenuto con saluti istituzionali, agli ospiti e alle figure calcistiche presenti, seguiti dall’intervento di Michele Pierguidi, presidente del Quartiere 2. Tra le altre autorità erano presenti Simone Cardullo, presidente regionale del CONI, e Paolo Mangini, presidente della LND. Tra i presenti anche Maurizio Niccolini, dirigente della scuola calcio ACF Fiorentina, e Simone Mazzoncini, DS del settore femminile Fiorentina. Sono intervenuti per un saluto ai partecipanti Eugenio Giani, presidente della Regione Toscana, la vice presidente Stefania Saccardi, l’assessora e candidata a sindaco di Firenze Sara Funaro e il consigliere comunale Fabio Giorgetti.

Durante l’evento sono stati premiati diversi personaggi illustri del mondo del calcio e del giornalismo sportivo:

Marco Bucciantini ha ricevuto una targa consegnata da Valeria Pisacchi. Bucciantini, giornalista professionista dal 2004, ha collaborato con Sky Italia come commentatore delle trasmissioni post-partita di Europa League e come ospite fisso del Sky Calcio Club.

Stefano Cecchi ha ricevuto una targa consegnata da Luca Giotti. Cecchi è un noto giornalista sportivo apprezzato per le sue analisi e commenti.

Stefano Gambera, allenatore della squadra Giovanissime Under 14 dell’ACF Fiorentina, ha ricevuto una targa da Mauro Ermini. Gambera ha portato le sue ragazze alle finali di Coppa Toscana.

Tommaso Palazzini è stato premiato da Antonella Vitiello. Palazzini, parte dell’US Affrico, ha vinto il titolo regionale con la squadra Allievi e ha partecipato alla Rappresentativa Regionale Toscana Juniores.

Tommaso Martinelli, portiere della Fiorentina, ha ricevuto una targa da Renato Buso. Martinelli è stato riconosciuto dal quotidiano inglese The Guardian come uno dei migliori giocatori nati nel 2006 a livello mondiale.

Cristian Prosperi storico giocatore dell’Affrico fino allo scorso anno, attualmente dirigente, è stato premiato a sorpresa con una targa consegnata da Vice Presidente Alessandro Tonelli dopo la presentazione di Giovanni La Spina.

Erano previsti due riconoscimenti anche per:
Giorgio Perinetti, direttore sportivo purtroppo assente, ha ricevuto un premio speciale per la carriera, ritirato dal Direttore Sportivo dell’US Affrico Matteo Petrachi.
Patrizia Panico, allenatrice, vera icona del calcio femminile italiano. Panico detiene il record di capocannoniere della Serie A, titolo vinto in 14 occasioni.

Il torneo ha rafforzato il legame tra la città, i giovani e il ricordo di Davide Astori, simbolo di passione e dedizione per il calcio. Le squadre partecipanti e le figure premiate hanno reso omaggio a un grande campione, continuando a costruire nuovi ricordi nel suo nome.