Notte delle Stelle

Premiazioni anche per l’Affrico a Villa Guicciardini


Una serata memorabile si è svolta ieri a Villa Guicciardini, dove l’Affrico ha celebrato i suoi talenti con l’evento “Notte delle Stelle”. Durante la cerimonia, sono stati premiati i migliori calciatori dilettanti, con due dei nostri atleti che hanno ricevuto riconoscimenti importanti. Tommaso Papini è stato eletto miglior giocatore, un riconoscimento che celebra il suo impegno e le sue prestazioni straordinarie durante la stagione. Tommaso Nuti, invece, ha ricevuto il premio per il miglior recupero dall’infortunio, testimoniando la sua determinazione e forza di volontà nel tornare in campo al massimo delle sue capacità. Entrambi i giocatori hanno voluto ringraziare la società per il supporto ricevuto. In particolare, hanno espresso gratitudine alla Presidente Valeria Pisacchi, al Direttore Generale Luca Giotti, al Responsabile della Sezione Calcio Matteo Petrachi, al Direttore Sportivo Christian Prosperi e al Direttore Tecnico Renato Buso. Questi riconoscimenti sono un riflesso del lavoro di squadra e del supporto incondizionato che il club offre ai suoi atleti.

La “Notte delle Stelle” è stata un’occasione speciale per tutta la società dell’Affrico, un momento di celebrazione e orgoglio per i traguardi raggiunti. Alla fine dell’evento, i partecipanti hanno avuto la possibilità di acquistare l’Almanacco, scritto dal giornalista Andrea L’Abbate. Questo volume raccoglie e celebra la storica stagione della nostra squadra, un ricordo indelebile per tutti i tifosi e i membri del club. La serata a Villa Guicciardini ha dimostrato ancora una volta quanto sia forte il legame tra i giocatori e la dirigenza.

Dichiarazioni finali

Tommaso Papini: Sono molto contento del premio ricevuto, che ovviamente condivido con i miei compagni per la stagione fantastica che abbiamo fatto. Siamo un gruppo che sta bene insieme e vincere con loro è stato molto bello e soddisfacente.

Tommaso Nuti: Vorrei ringraziare tutti per questo premio e soprattutto per avermi accompagnato nel percorso di riabilitazione. Un grazie va alla Dottoressa Erika, al Dottor Andrea e alla Dottoressa Viviana. Il prossimo anno rimarrò all’Affrico e sarà una stagione intensa, non vedo l’ora che inizi.