Finale per l’Affrico. Sconfitto 2-0 CUS, ora testa a Impruneta

tifoCus Firenze Basket – Pallacanestro Affrico 64 – 76
Parziali: (18-16, 11-13, 16-25, 19-22)

Affrico: Sferruzza M. 9, Taddei 2, Toppino 10, Travagli 1, Vignozzi, Sbraci 6, Sferruzza T. 13, Ahmadpour 3, Niccolini, Bruni 10, Rinaldi 19, Vannucci 3.

Cus: Scudero 5, Martinelli 7, Balloni 5, Genovese 6, Zuti 7, Pintimalli 13, Del Meglio 4, Moschi 11, Nudo 2, Bianconcini, Fontanelli 2, Lupori 2.

Sarà Impruneta – Affrico la finale dei playoff del girone E.
I biancoblu sconfiggono 2-0 CUS Firenze, davanti ad una spettacolare cornice di pubblico: solo tifosi, nessun ultrà. Folta e calorosa la “curva” biancorossa, colorata a festa dai tanti bambini del minibasket, a cui ha risposto la “macchia” biancoblu dei tifosi Affricani giunti alle Montalve con felpe, trombette e tanto entusiasmo.

Pronti via, e il CUS scappa subito, Pintimalli apre le danze con il tiro pesante, Zuti e Moschi fanno volare i padroni di casa sul 9-0. Il timeout di coach Sferruzza non spegne le polveri del CUS, che si issa sul +11 dopo soli 4 minuti di gioco. È il gioco da tre punti di Tommaso Sferruzza che sveglia gli ospiti: contropiede e tiro dall’arco permettono all’Affrico di ricucire lo svantaggio, chiudendo la prima frazione a -2 (18-16).
Nel secondo quarto i biancorossi provano più volte a scappare. Ci pensano prima Sbraci e poi Rinaldi a riportare il punteggio in parità, mentre il giocatore che meno ti aspetti, Vannucci, regala prima due extra-possessi ai suoi e poi li porta avanti grazie alla tripla dall’angolo.

Nel terzo quarto si vede anche Ahmadpour, che dà la carica ai biancoblu grazie ad un gioco da tre punti (31-32). I padroni di casa non accusano il colpo, anzi, caricati dagli spalti, non sbagliano un tiro, recuperando ogni tentativo di allungo affricano.
Così come in gara 1, i biancoblu, grazie alle rotazioni più lunghe, iniziano a scavare il solco decisivo. Con Toppino in campo, l’Affrico si porta a +9, Genovese risponde con la tripla, ma i biancoblu chiudono sempre sul +9 il quarto.

Negli ultimi 10’ gli ospiti tentano subito l’allungo, gara2ancora grazie al tiro dai 6,75 e al contropiede, arrivando fino al +14. Ma CUS non muore mai: due “bombe” ed è di nuovo -6 per i biancorossi. L’Affrico risponde con un parziale di 5-0 e ritorna in doppia cifra di vantaggio.
Il tira e molla continua ma ormai il tempo stringe per i padroni di casa, che provano con raddoppi prima, e il fallo sistematico poi, a recuperare terreno.

Nell’ultima minuto qualche scaramuccia tra i giocatori rovina per un’istante la festa per entrambe le squadre e per i tifosi che hanno riempito il palazzetto. Ma e’ solo un momento di nervosismo dettato dall’intensità in campo.
Rientrato tutto nelle regole, arriva la sirena che sancisce la fine della partita (64-76) tra gli applausi scroscianti di tutto il palazzetto per due squadre che hanno dato in campo tutto quello che avevano dentro.

Ora testa ad Impruneta, dal prossimo weekend inizia la durissima serie di Finale.